Nessuna sensazione di sazietà - ancora fame nonostante un pasto abbondante

A volte hai la sensazione di poter mangiare all'infinito senza sentirti sazia? Questo può essere dovuto a una malattia o a uno stile di vita poco sano. Faremo luce su questo problema e ti aiuteremo a ritrovare la sensazione di sazietà.

Paulina
Autrice
Frau in Restaurant beißt in Essen
Contenuto

Mangiare troppo velocemente ed abbuffarsi è collegato certamente alle persone che non si sentono sazie; poiché il loro corpo li fa sentire infinitamente affamati, a volte mangiano letteralmente senza fine o fanno continuamente spuntini o bocconcini. Essere pieni? Non c'è possibilità. Di solito questo è tutt'altro che salutare per le tue abitudini alimentari. E i motivi per cui non ci si sente sazi di solito indicano problemi di salute o almeno abitudini quotidiane poco salutari. Ti spieghiamo come questo accade e come puoi sentire nuovamente la sensazione di sazietà.

Sensazione di felicità dopo aver mangiato - è così che nasce il senso di sazietà

Il nostro cervello è un'affascinante meraviglia che nemmeno gli scienziati sono ancora riusciti a svelare completamente. Alcuni dei meccanismi funzionali dell'ipotalamo sono tra le grandi incognite.

Il nome stesso di questa sezione del diencefalo è piuttosto misterioso e significa qualcosa come "stanza posteriore" o "camera bassa". Anche i meccanismi dell'ipotalamo sono piuttosto misteriosi. Nell'organismo esso controlla, ad esempio:

  • Pressione sanguigna
  • Il comportamento alimentare
  • Abitudini del sonno
  • Temperatura corporea
  • Bilancio idrico
  • Comportamento sessuale

Tuttavia, gli scienziati non sono sempre stati in grado di spiegare esattamente come l'ipotalamo faccia questo. Quando si tratta dei processi coinvolti nella regolazione dell'assunzione di cibo, gli esperti di nutrizione sono ancora un po' all'oscuro del retrobottega del cervello.

Lo sviluppo del senso di sazietà: cosa si sa

Ciò che gli scienziati possono ora affermare con certezza è che sia il senso di sazietà che il senso di fame nascono insieme nell'ipotalamo. Il centro della fame, situato nell'ipotalamo laterale (LH), è responsabile della sensazione di fame.

Il sentimento di sazietà, invece, nasce nel centro della sazietà dell'ipotalamo ventromediale (VMH). È interessante notare che i centri della fame e della sazietà non sono mai attivi contemporaneamente. Si sostituiscono quindi l'un l'altro attraverso una complessa interazione di stimoli di segnalazione e ormoni:

  • I primi impulsi di sazietà nascono nello stomaco: quando si ha fame e si mangia, lo stomaco si riempie; ciò provoca la dilatazione della parete dello stomaco, segnalata all'ipotalamo dai meccanocettori dello stomaco stesso. Questo messaggio rappresenta il primo impulso di saturazione, ma non provoca ancora un senso di sazietà.
  • Altri impulsi di sazietà provengono dall'intestino e dal fegato:L'ipotalamo non trova particolarmente convincente la sola informazione di una parete dello stomaco estesa. Vuole altre prove che dimostrino che si è davvero sazi. Più precisamente, vuole sapere se si sono assunti abbastanza nutrienti con il cibo. Riceve queste informazioni dai chemorecettori situati nell'intestino e nel fegato. Essi analizzano la composizione nutritiva del chimo.

Nessun senso di sazietà - senza ormoni del metabolismo e della felicità

L'ipotalamo è davvero molto critico. Anche gli impulsi di sazietà combinati dei meccanocettori e dei chemorecettori non possono eliminare tutti i suoi dubbi sul fatto che abbiate davvero mangiato abbastanza. Per la sua decisione finale, quindi, si affida solo ai vostri livelli ormonali. Soprattutto, un maggiore rilascio di ormoni metabolici come:

  • Insulina (responsabile del metabolismo degli zuccheri)
  • Leptina(responsabile del metabolismo dei grassi)
  • e Colecistochinina (responsabile del metabolismo della bile)

durante la digestione è considerato un importante stimolo finale di sazietà. Inoltre, gli ormoni della felicità sono fondamentali per lo sviluppo del senso di sazietà.

Infatti, non appena l'ipotalamo ha terminato la valutazione della sazietà, rilascia sostanze mirate per frenare l'appetito attraverso la sensazione di soddisfazione. È soprattutto la serotonina, l'ormone della felicità, che ci fa sentire soddisfatti dopo aver mangiato e quindi ci fa sentire pieni. Quindi, in un certo senso, essere sazi dopo aver mangiato è una sensazione di felicità.

Assenza di senso di sazietà - cause della mancanza di sazietà

Come si è visto, il percorso dalla fame alla sazietà è piuttosto complesso. Non c'è quindi da stupirsi che i processi propri dell'organismo nello sviluppo del senso di sazietà possano essere sfasati da cause molto diverse. Ancora una volta, gli ormoni svolgono un ruolo decisivo in questo processo.

Mancanza di sazietà e di sonno

Come già detto, l'ipotalamo è responsabile del ritmo del sonno, della sazietà e della fame. Una mancanza di sonno può quindi mandare in tilt questa parte del cervello, soprattutto per quanto riguarda il rilascio di ormoni:

quando manca il sonno, il corpo rilascia una maggiore quantità di cortisolo, l'ormone dello stress. Questo ormone stimola l'appetito e può influenzare notevolmente l'ipotalamo nel giudicare la sazietà.

Anche il livello di leptina si sbilancia quando manca il sonno. Mentre la concentrazione di questo ormone che sopprime l'appetito diminuisce, aumenta il livello della sua controparte, l'ormone che stimola l'appetito, la grelina.

Inoltre, un deficit di sonno può influire sul funzionamento dell'ipotalamo stesso. Questo perché un ipotalamo stanco, come le persone esauste, commette più errori. Non si possono quindi escludere disturbi funzionali dell'ipotalamo ventromediale dovuti alla privazione del sonno.

Assenza di senso di sazietà in caso di sovrappeso

Quando si parla di livelli di leptina, c'è un'altra situazione che può diventare problematica. Se si è in sovrappeso, a un certo punto l'ipotalamo non risponde più all'aumento dei livelli di leptina. L'ormone è secreto dalle cellule adipose del corpo. Più cellule grasse ci sono nel corpo, più alto è il livello di base della leptina.

Un'abbondante quantità di grasso della pancia produce quindi costantemente grandi quantità di leptina. Gli ormoni fluttuano quindi in alte concentrazioni nel sangue e nel cervello come se fosse la cosa più normale del mondo.

Di conseguenza, anche l'ipotalamo la pensa così e non riconosce più l'aumento del livello di leptina come indice di sazietà. Il risultato è che non ci si sente sazi nemmeno dopo un pasto saziante.

Mancanza di senso di sazietà dovuta a malattia o farmaci

Esiste anche una resistenza alla leptina legata alla malattia. In caso di dubbio, è opportuno sottoporsi a una diagnosi medica per esserne certi. Inoltre, si ritiene che alcuni farmaci possano alterare il metabolismo cerebrale, compromettendo il senso di fame e di sazietà. Questi includono in particolare:

- antidepressivi
- antidiabetici
- antiepilettici
- antipsicotici
- antipertensivi
- preparati cortisonici

Mancanza di sazietà dovuta ad abitudini alimentari non salutari

Tuttavia, il consumo di alimenti ipercalorici e la conseguente obesità non sono le uniche cause alimentari che possono portare alla mancanza di sazietà. Anche l'altro estremo è dannoso. In altre parole, anche le diete estreme e le diete da fame possono disturbare l'ipotalamo e compromettere l'avvio del senso di sazietà.

Supponiamo che da un giorno all'altro si inizi improvvisamente a mangiare solo un pasto molto piccolo al giorno. Spesso sono molto poveri di nutrienti in una dieta radicale e coprono a malapena il fabbisogno nutrizionale giornaliero.

L'ipotalamo giudica quindi il pasto troppo scarso in termini di soli nutrienti e si rifiuta di dichiarare lo stato di sazietà. La sensazione di fame persistente che ne deriva rende difficile per molte persone attenersi a una dieta.

1
Voglie ≠ assenza di senso di sazietà
Le famigerate voglie durante una dieta non corrispondono a una mancanza di sazietà. Nella migliore delle ipotesi, si verificano come conseguenza di una mancanza di sazietà o di uno squilibrio degli ormoni che sopprimono l'appetito, come l'insulina. La voglia di dolci, in particolare, è quindi un effetto collaterale dello squilibrio ormonale.
Confezione risparmio 🎁
SHEKO Shake Schokolade, SHEKO Shake Banane, SHEKO Shake Erdbeere
Prezzo di listino 84,95 €*
Prezzo scontato 84,95 €* Prezzo di listino 89,85 €
Prezzo unitario 62,93 €  per  kg
In offerta

La mancanza di sazietà è spesso una questione di educazione

Un comportamento alimentare scorretto, in cui le persone non hanno limiti nel mangiare, è spesso ereditario. Ciò è particolarmente vero nei casi in cui le persone non sono in grado di distinguere tra la sensazione di fame e i bisogni emotivi. Allo stesso modo, un approccio sbagliato al rituale di assunzione del cibo può portare a non sentirsi sazi.

  • I vostri genitori vi hanno spesso premiato o confortato con i dolci da bambini? Allora forse vedete ancora il cibo più come un surrogato di soddisfazione che come una fonte di nutrimento.
  • Da giovani vi capitava spesso di non avere nulla da fare e di mangiare per noia? In questo caso il pasto potrebbe essere più una distrazione che una fonte di sazietà.
  • A casa dovevate sempre finire il vostro piatto, indipendentemente dal fatto che aveste ancora fame o meno? Se è così, forse avete imparato a ignorare il vostro senso di sazietà.
  • O forse avete preso l'abitudine di trangugiare frettolosamente il cibo nell'ambito di una frenetica routine quotidiana? Quando si ingurgita, lo stomaco si riempie più velocemente della media e la ripetuta tensione delle pareti dello stomaco può desensibilizzare i meccanocettori.

Consigli per riapprendere il senso di sazietà

1
Mangiare consapevolmente
Imparate a scegliere gli alimenti in base al vostro fabbisogno nutrizionale giornaliero. In questo modo, incoraggerete l'ipotalamo a valutare la sazietà in base al contenuto di nutrienti del cibo.
2
Evitare i fast food, i dolci e gli snack
Gli alimenti ad alto contenuto calorico, come i dolci, gli snack o i prodotti pronti, causano il deposito di grasso. Di conseguenza, alterano l'equilibrio della leptina, importante per creare una sensazione di sazietà. Inoltre, di solito sono poveri di sostanze nutritive e quindi rendono più difficile per i chemorecettori generare importanti impulsi di sazietà. In caso di appetito da spuntino, i dolci a basso contenuto calorico possono essere d'aiuto.
3
Mangiare moderatamente, ma regolarmente
I piccoli pasti impediscono allo stomaco di allungarsi eccessivamente. Questo alleggerisce enormemente i meccanocettori dello stomaco. Nonostante le porzioni ridotte, è opportuno consumarne diversi al giorno per coprire il fabbisogno nutrizionale.
4
Perché non provare le nostre "bustine di sazietà"
Grazie alla Garcinia Cambogia, gli stick sazianti SHEKO aiutano a ridurre il senso di fame1. Se si assume il soppressore dell'appetito prima di un pasto, anche le porzioni più piccole sono sufficienti per sentirsi piacevolmente sazi più a lungo.
5
Pianificare i pasti senza stress
Mangiare con calma e senza fretta impedisce il rilascio degli ormoni dello stress. Ostacolano la funzione degli ormoni della felicità come la serotonina nell'indurre il senso di sazietà e spesso hanno anche un inutile effetto stimolante dell'appetito.
6
Nessun cibo come soddisfazione sostitutiva
Prima o poi tutti si concedono un pezzo di cioccolato come premio o piccola consolazione. Ma non deve diventare un'abitudine. Altrimenti, si rischia di mangiare solo per il desiderio di compensare le emozioni insoddisfatte. Questo invia segnali sbagliati all'ipotalamo (e alla psiche).
7
Non mangiare per noia o per costrizione
Evitate di mangiare quando siete annoiati o perché pensate di doverlo fare subito. Ascoltate le vostre reali esigenze. Quando ci si annoia, cercare attività attive e allontanare consapevolmente il piatto non appena si sente il bisogno di mangiare.
8
Inganna la psiche
Si dice che, utilizzando piatti più piccoli, si riesca a suscitare più rapidamente il senso di sazietà da parte del cervello. Si dice anche che i colori del piatto aiutino a favorire il senso di sazietà. Per esempio, i ricercatori hanno scoperto che i piatti rossi e le differenze di colore tra il pasto e il piatto fanno sentire sazi più velocemente.

Domande frequenti sulla mancanza di sazietà

Nessuna sensazione di sazietà, cosa fare?

Osservate attentamente le vostre abitudini alimentari e valutatele onestamente. Poi iniziate urgentemente a mangiare in modo più consapevole e, soprattutto, sano. Anche un sonno sufficiente è essenziale per un sano senso di sazietà.

Perché non mi sento sazio?

Il fatto che non ci si senta sazi di solito è dovuto a uno squilibrio dei livelli ormonali (ad esempio, a causa della mancanza di sonno o del sovrappeso) o a cattive abitudini alimentari. Mangiare in modo sbagliato non significa solo mangiare troppo o troppo poco. Anche i motivi sbagliati per mangiare, come la tristezza, la noia o le compulsioni, possono annullare il senso di sazietà.

Perché ho fame anche se ho mangiato?

Ciò è spesso dovuto all'aumento dei livelli di ormoni che aumentano l'appetito, come il cortisolo o la grelina. La situazione sfugge di mano quando i livelli degli ormoni che inibiscono l'appetito, come la leptina, non sono sincronizzati.

Quale ormone è responsabile del senso di sazietà?

Il senso di sazietà è innescato, tra l'altro, dall'ormone della felicità, la serotonina. Tuttavia, per innescare il rilascio di serotonina da parte dell'ipotalamo sono necessari altri ormoni. Oltre alla leptina, questi ormoni comprendono l'insulina e la colecistochinina.

Quando ti senti sazia?

La sensazione di pienezza si manifesta normalmente quando lo stomaco è pieno e il pasto ha coperto temporaneamente il fabbisogno nutrizionale. I meccanorecettori dello stomaco e i chemorecettori dell'intestino e del fegato trasmettono queste informazioni all'ipotalamo. Ciò innesca la sensazione di sazietà.

Come posso ritrovare la sensazione di pienezza?

Così come la mancanza di sazietà può essere ereditata, è necessario educare l'ipotalamo a raggiungere una sufficiente sazietà. Il modo migliore per farlo è un'alimentazione equilibrata e, soprattutto, consapevole, con orari regolari per mangiare e dormire.